Il giardino perduto

il_giardino_perduto
E’ una parola. Non un nome come presumevo. Con la manica del maglione pulisco con cautela la pietra. Una mano salda ci ha inciso sopra una parola. Una parola seppellita e ritrovata, come sempre deve essere questa parola, perché è così che funziona dentro di noi, perché così la leggiamo.
Desiderio.

Inghilterra 1941, Gwen Davis decide di lasciare Londra e il suo lavoro alla Royal Horticultural Society per recarsi a Mosel, nel Devon ed entrare a far parte del Land Army, un corpo paramilitare che si occupa di coltivare la terra e trasformare, nel suo caso, un giardino in un orto per approvvigionamenti di guerra. Con lei sette  agricoltrici volontarie e acconto a loro, nella villa padronale, alloggia momentaneamente un reggimento di soldati canadesi. Saranno i balli, l’ amicizia con il capitano Raley e la forza di Jane, i libri condivisi con le altre ragazze a trasformare Gwen, a renderla capace di osare inseguendo un grande desiderio: riportare alla vita un giardino segreto trovato per caso durante una passeggiata. E sono i tempi della fioritura del giardino della Perdita e del giardino del Desiderio a dare un senso al tempo. Uno sguardo poetico che non risparmia nulla, che contrappone la guerra all’ armonia, il frastuono delle bombe al silenzio del giardino, i dolori al desiderio. Ricco di citazioni ed evocativo, un libro sulla vita e sull’ amore, sul dolore, sulle peonie e le rose e sui libri.

Tutti pensano che i giardini continuino a crescere, che in inverno dormano e in primavera si risveglino. Ma è piuttosto un costante morire e risorgere. Si perdono. Si cercano. Ogni storia parla di morte. Ma forse, se siamo fortunati, la nostra storia di morte è anche una storia d’ amore.
E questo è quel che ricordavo dell’ amore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>