Il mandarino meraviglioso | Le Porte della Notte

Il mandarino meraviglioso

A proposito del migrare, la sola cosa positiva che possa dire è questa: non conosco alcuna altra esperienza che insegni a tal punto bene la vita agli uomini.

Una giovane donna cammina nella notte di Ginevra, attraverso le vie solitarie ripercorre a ritroso episodi della propria vita, ritornando sulle rive del Bosforo, lì dove paura e inquietudine sono iniziate. Dall’infanzia all’adolescenza, dalla gioventù sprecata perché priva di alcun strumento necessario ad orientarsi tra sentimenti, legami, desideri. A Istanbul essere donne e essere donne libere significa infrangere divieti e restrizioni morali e l’unico modo per farcela era andare via. E ora, dalla strade deserte di Ginevra, una donna riflette di emigrazione e di identità perse e ritrovate a brandelli attraverso legami sentimentali, che raccontano di uno sconfinato spaesamento che porta a un nuovo inevitabile distacco. Con una scrittura lirica vicina più alla poesia che alla prosa Asli Erdogan sembra portare sulle spalle la saggezza dei secoli, contenere la storia del mondo  e dare nuovo significato alla libertà e alle emigrazioni, che oltre alle geografie sono personali passaggi di dolore e di emancipazione.

La mia migrazione è cresciuta poco a poco, è maturata, ha imparato a parlare di sé in forma più sottili e particolareggiate. Col tempo ho capito che la Patria era la relazione instaurata con tre – quattro persone; Istanbul, le mie radici e il mio passato; la mia lingua madre, me stessa. Il mio inferno non era né nel mio Paese, né qui. Lo trasportavo dentro, proprio come le immagini del paradiso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.