Strade di notte | Le Porte della Notte

Strade di notte

strade-notte-662x1024Da quella volta mi è capitato spesso di dover rincominciare da capo, e questo per via delle particolari circostanze in cui venni a trovarmi insieme a tutta la mia generazione: la guerra civile, la sconfitta, le rivoluzioni, le partenze, i viaggi nella stiva o sui ponti delle navi, Paesi stranieri, condizioni di vita in continuo mutamento; insomma qualcosa di diametralmente opposto alla trama del libro che mi ero sempre immaginato: una vecchia casa con tanto di loggetta, porta d’ingresso, stanze, mobili e librerie, con alberi che – come gli archivi del mio ufficio – erano lì da prima che nascessi e avrebbero continuato a crescere anche dopo la mia morte, la quercia di Lermontov…

Un tassista russo lavora di notte per le strade buie della Parigi degli anni trenta. Una Parigi splendida e miserabile, popolata da un mondo variegato di nobili decaduti, filosofi alcolizzati, emigrati alla ricerca di un riscatto, delusi da un ideale e afflitti da manie di persecuzione. E poi ci sono marciapiedi di prostitute, donne che hanno solo il loro corpo e altre che imparano la professione da frequentatrici del demi -monde cadute in disgrazia. E poi ci sono tutti gli altri, uomini e donne, avventori di locali e di piaceri che per un breve tratto condividono un pezzo di strada con Gazdanov. Un tassista che osserva, riflette, ascolta e si lascia trascinare per sfuggire all’amara solitudine che lo attanaglia e alla consapevolezza della propria vita priva di legami e di futuro, con un passato lontano vissuto che diventa, attraverso le pagine, lo spettro della grande Russia, patria perduta e rimpianta. Attraverso le pagine Gazdanov ci mostra il volto reale della banlieue parigina, dei maestosi boulevards e dei vicoli fetidi teatro di un  mondo senza voce. Un romanzo intenso e toccante.

.. ho la testa piena di un’infinità di cose e persone, molte delle quali, fra l’altro, hanno già lasciato questo mondo. Ricordo in eterno il viso di una donna che ho incrociato una volta soltanto, tengo a mente per anni emozioni e pensieri di una singola giornata. L’unica cosa che dimentico con facilità sono le formule matematiche, le trame e i contenuti di libri e manuali letti da tempo. Le persone, invece, le ricordo, le ricordo tutte quante, anche se la stragrande maggioranza di loro non ha avuto alcun ruolo nella mia esistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.