Un Amore di Carta

un amore di cartaGuylain aveva sempre visto Yvon applicare il principio che diceva di non abbandonare mai una frase in corso di lettura, per nessuna causa o ragiona al mondo. ” Guai a mollare il filo del verbo, ragazzo! Andare sempre fino in fondo, scivolare lungo lungo la tirata finché il punto finale ti libera.”

Guylain Vignolles è un uomo qualunque, uno fra i tanti che ogni mattina prende un treno per recarsi al posto di lavoro. Guylain è però l’ unico che legge ad alta voce sul treno delle 06 e 27: legge qualche pagina a caso di quelle che è riuscito a salvare dall’ impianto di riciclaggio per la carta presso cui lavora. Accanto a lui Giuseppe Carminetti, un collega rimasto paralizzato da un infortunio sul lavoro e alle ricerca  di tutte le copie di Giardini e orti di una volta; Yvon Garimbert ex allievo di Alphonse Daubin, annata 1970, appassionato di versi alessandrini; le sorelle  Monique e Josette Delacote e le letture del sabato mattina e il pesciolino rosso Rouget de Lisle. Personaggi unici e bizzarri, alla ricerca di un pò di leggerezza. Un precario equilibrio che viene stravolto da una chiavetta usb e  nella chiavetta Julie e il suo mondo. Dalla lettura degli scritti di Julie,  alla ricerca di Julie.  Una storia d’ amore per le parole e  per i libri che apre il cuore e lo sguardo sulla meraviglia delle persone. Un romanzo breve, una lettura pomeridiana di leggerezza e meraviglia.
Grazie Stefania per il prezioso consiglio.

Avrei chiamato Guylain Vignolles  per dirgli che non gli avrei concesso otto miseri minuti, ma tre ore, il tempo che ho impiegato a prender sonno. Tre ore per raccontarsi, per raccontarci e magari avventurarci là dove le nostre parole ancora non si erano mai avventurate.

Autore: Jean - Paul Didierlaurent

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>