Un arabo buono

 

Un_arabo_buonoIl lato oscuro di questa sintesi mi fu palese sin dalla tenera età: frutto e vittima di due storie contrapposte anche qui e ora,in questa terra in cui il mio popolo affronta una guerra interminabile contro il mio altro popolo,vuoi contro il mio Stato o al contrario, lo Stato contro il mio popolo.

 

Yoseph Rosenzwig e Yoseph Sherara, passato e presente, Europa e Oriente: tutta la narrazione si svolge sul doppio.Yoseph, il protagonista, è arabo per parte di padre e ebreo per parte di madre e attraverso una lunga e complessa confessione, dal ritmo serrato,si rispecchiano le ambizioni e le inquietudini di due popoli. Un labirinto di storia fami
liare che si intreccia con la storia del Medio Oriente e l’ Europa,da Berlino a Haifa, da Gerusalemme a Parigi, da Akko a Tel Aviv;  dai primi del novecento alla fine del mandato Britannico e alla risoluzione dell’ Onu che sancisce la nascita dello Stato di Israele alla guerra del ’48.In un mosaico di stravaganti personaggi, attraverso gli amori e le amicizie, l’ autore narra tutte le contraddizioni del personaggio senza filtri ideologici.

A me le guerre giuste fanno schifo perchè sull’ altro versante delle guerre giuste c’è per forza la parte non giusta.

A nulla servirà il gesto liberatorio di Yoseph di dipingere un quadrato di deserto di rosso e di portare la pioggia al Kassit, non si costruisce un ponte con l’ arte.

Azury ed Eva hanno tentato di costruire un ponte, ma non si costruisce un ponte a letto . in bilico sulla sottile cucitura fra due parti opposte….tutto quel che fecero era destinato a fallire.

Yoram Kaniuk è  morto a Tel Aviv l’8 giugno 2013, commovente il ricordo di Nicole Krauss sul New Yorker del 12 giugno 2013 .Da leggere.

http://www.newyorker.com/online/blogs/books/2013/06/yoram-kaniuk-postscript.html

Autore: Yoram Kaniuk

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>